La scelta del contenitore per l’orto sul balcone

23/03/2010

Post image for La scelta del contenitore per l’orto sul balcone

Nonostante il poco spazio a disposizione hai deciso di fare l’orto. Sul balcone, sul terrazzo, nel cortile, davanti casa, dietro casa. Quando prende la voglia, oserei dire la necessità, di fare l’orto non importa dove farlo, l’importante è farlo.

Fortunatamente molte verdure possono essere coltivate in contenitori anche senza avere un briciolo di terra.

Quando si avvia un orto in contenitori la prima cosa che viene in mente è di utilizzare, o meglio riciclare, i vasi per i fiori. I bei vasi in terracotta da riempire con pomodori, insalata & company. Ma perché limitarsi? Possiamo utilizzare qualsiasi contenitore purché abbia queste caratteristiche:

  1. deve essere bucato sul fondo per consentire il drenaggio dell’acqua in eccesso e non affogare le piante;
  2. deve contenere il terreno senza perderlo da fessure o buchi troppo grossi;
  3. la grandezza deve essere adeguata al tipo e alla quantità di piante che vi verranno coltivate. Per fare la scelta giusta devi sapere grosso modo quanto saranno grandi le piante una volta cresciute. Quindi i pomodori indeterminati o le zucchine avranno bisogno di contenitori grandi e profondi almeno 50 cm mentre per l’insalata da taglio o per i ravanelli può andare bene anche un contenitore basso;
  4. il materiale di cui è fatto il contenitore non deve essere tossico. Quindi evita i legni trattati o i materiali dipinti con vernici nella parte a contatto con il terreno. Ad esempio le traversine ferroviarie, che sarebbero molto utili, sono trattate con creosoto, un prodotto molto tossico. Un altro prodotto tossico per il trattamento del legno è il pentaclorofenolo.

Detto questo non ci sono limiti: terracotta, legno, plastica, metallo, ceramica, pietra. Il consiglio ovviamente è di riciclare. Quindi si possono riutilizzare botti, cassette della frutta, bacinelle, secchi, carriole, vasche da bagno, bottiglie di plastica, culle, contenitori per alimenti, borse di plastica, pentole, scatole di plastica, cassetti, … :-)

Alcuni consigli per la scelta:

  • I contenitori di plastica sono più leggeri ma si possono spaccare a temperature basse o deteriorarsi alla luce del sole per i raggi UV. Non traspirano per cui trattengono di più l’acqua e la cosa può tornare vantaggiosa nei climi particolarmente secchi. Se il colore è scuro possono riscaldarsi troppo e danneggiare le radici;
  • I contenitori in terracotta traspirano ma sono pesanti, si rompono facilmente e si asciugano velocemente;
  • I contenitori in legno con il tempo possono marcire;
  • I contenitori in metallo si riscaldano facilmente e possono causare danni alle radici. Si possono proteggere o ricoprire.
  • I contenitore in pietra sono delicati e difficili da spostare.

E tu cosa hai riciclato?

Potrebbero interessarti:

{ 7 commenti }

Ilarock 26 aprile 2012 alle 18:10

Ciao! Io ho un terrazzo abbastanza grande, però è molto soleggiato d’estate e peposto a vento e pioggia d’inverno..cosa mi consiglieresti? Dovrei tipo costruire una specie di serra? :)

Rispondi

Silvana 26 aprile 2012 alle 19:44

Ilarock » Ciao, potresti mettere delle schermature come grate su cui far crescere rampicanti che ombreggiano oppure dei teli ombreggianti nelle ore più calde.

Rispondi

Mallo2011 18 febbraio 2011 alle 20:04

Ciao,
volevo segnalare che per coltivare l’Orto sul Balcone tra i migliori contenitori da usare, ci sono anche quelli a riserva d’acqua (self-watering).
Permettono di mantenere il terriccio sempre umido, ma mai bagnato; si innaffia attreverso un tubo di riempimento quindi non si dilava via il concime ad ogni innaffiatura; ed infine forniscono una riserva d’acqua di un paio di giorni (cosa particolarmente utile in estate quando maggiore è la voglia di farsi un fine settimana al mare, e maggiore è il rischio di ritrovare tutte le nostre piantine rinsecchite al ritorno).
Se volete nel mio blog c’è anche un tutorial fai-da-te per costruirli a poco prezzo,
Mallo2011

Rispondi

DENISE 6 aprile 2010 alle 11:05

ma se il mio terrazzo dove metterò l’orto ha il pavimento scuro che si scalda facilmente è un problema??
se si, cosa posso fare??

Rispondi

Silvana 7 aprile 2010 alle 10:53

Ciao Denise
dipende se il terrazzo è ventilato e dalle temperature che raggiunge.
Se ci riesci a stare tu le piante staranno benissimo.

Rispondi

Leave a Comment